Messaggio ai maturandi

 

 

Carissimi ragazzi,

non è certo un momento qualunque per affrontare l’esame di maturità, come ancora ci piace chiamarlo. I mesi che hanno preceduto questa mattina hanno messo alla prova le attese e le ansie, le speranze e le preoccupazioni di ciascuno di noi, consegnandoci a nuove consapevolezze e sottraendo, soprattutto a voi, consuetudini antiche e sempre nuove, che restituiscono il gusto del nostro tempo insieme.

Eppure, malgrado l’evidente eccezionalità del periodo storico, che ha reso necessarie scelte d’emergenza, non smetto di pensare che l’unica vera esperienza d’eccezionalità sia quella che vi apprestate a vivere.

Nel Re Lear di Shakespeare, uno di quei capolavori nei quali a scuola si ha il privilegio di imbattersi, si legge che “ripeness is all”, la maturità è tutto. A pronunciare queste parole è un figlio all’indirizzo di un padre, dopo avergli detto che “l'uomo deve aspettare con pazienza / il suo momento di uscire dal mondo, /come aspetta il momento per entrarci”. Ecco, voi attendete il momento di entrare nel mondo, pronti, è questo che vi auguro, a rispondere alle sue sfide con forza e passione, l’unica che consente di scoprire il mondo, ogni giorno, con sguardo capace di commozione. Per rispondere alla chiamata della maturità, della vita, bisogna che ciascuno di voi sappia bene da chi e da che cosa “prendere il respiro”, perché la corsa sarà lunga e, anche per questo, un’avventura inimitabile.

È tutta questione di “fiato”, se capite che cosa intendo, tutta questione di “anima”, la parte non negoziabile, non cedibile e non vendibile di voi, che negli anni di liceo avete imparato, grazie all’aiuto dei vostri insegnanti, a far crescere e diventare grande.

Ragazzi miei, lasciate che suoni con il suo ritmo, l’unico che conti, la vostra vita intima, perché è quella la vera armonia.

Il bello è appena cominciato.

In bocca al lupo a tutti.                                                                                                                                                                                                                 

                                                                                                                                                                                                                                                                               Iolanda Giovidelli